Giampietro Berti – Socialismo, anarchismo e sindacalismo rivoluzionario nel Veneto tra Otto e Novecento

Link Mega

Link Archive (mancante)

Dai primi studi pionieristici di Letterio Briguglio sugli internazionalisti di Monselice (1955), la storiografia sul socialismo veneto ha fatto grandi passi in avanti. Molte indagini su momenti, aspetti e figure della storia socialista hanno arricchito infatti notevolmente la conoscenza generale del fenomeno. Il presente studio intende focalizzare la propria attenzione sulla complessa trama del suo svolgimento, allargando lo sguardo a tutta la regione con lo scopo di mettere in luce la pluralità di voci e di situazioni che hanno caratterizzato, tra Otto e Novecento, la grande diversità del suo manifestarsi. Non si parlerà quindi soltanto di socialismo, ma anche di anarchismo e di sindacalismo rivoluzionario, cioè di tendenze ideologiche e di prassi politiche che si sono dispiegate in momenti diversi e in luoghi diversi: la realtà del Polesine non è certo quella veronese o vicentina, come queste, a loro volta, si differenziano da quella veneziana o trevigiana (o bellunese). In conclusione, il fine di questo libro è quello di far emergere un quadro molto sfaccettato del movimento operaio e socialista veneto che, variando nel tempo e nello spazio, metta in luce la sua trama pluralistica e le sue anime divergenti. Si tratta, cioè, di un’emergenza storica che, seppur minoritaria, rimanda ad una immagine opposta a quella oleografica di una regione politicamente e culturalmente moderata (o, almeno, la modifica in maniera significativa). Anche il Veneto, insomma, testimonia con questa pluralità ideale e sociale, il carattere ricco e variegato delle fonti originarie del socialismo italiano; esse, ancora una volta, danno piena spiegazione del travaglio generale della sua genesi e del suo sviluppo riflessisi fino ai giorni nostri.

Questa voce è stata pubblicata in Libri e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.